Upselling Tourism TORNA SU

A = Accoglienza

A come Accoglienza

In questi giorni si fa un gran parlare di accoglienza e di come, nella fase di riapertura, gli alberghi dovranno mettere l’ospite al centro della propria attenzione.

 

Ricordarlo fa sempre bene, ma dovremmo essere tutti d’accordo sul fatto che questa non sia una soluzione, bensì un elemento fondante dell’attività svolta dagli hotel.

 

Nella pratica, gli albergatori si troveranno ad accogliere ospiti con bisogni più complessi, più attenti a quei dettagli in grado di trasmettere protezione e sicurezza.

 

La soddisfazione dell’ospite dipenderà, allora, non soltanto dal confort della struttura e dalla personalizzazione del servizio, ma anche (e in una fase iniziale, soprattutto) dal livello di rassicurazione che riceverà dall’hotel e dallo staff.

 

Indipendentemente dalla data di riapertura prevista – dalle leggi o dalle scelte imprenditoriali – questo ‘tempo di mezzo’ può essere impiegato per studiare la rinnovata identità dell’albergo e definirne i dettagli operativi ed economici, nei limiti del possibile.

 

Si tratta di prepararsi a un nuovo scenario, in cui ogni attività dovrà riconquistare lo spazio occupato fino a ieri, scegliendo le leve da attivare.

 

In molti lo stanno già facendo, con impegno e determinazione.

 

Questo sito utilizza dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o continuando la navigazione in qualsiasi altro modo, acconsenti all'uso dei cookie.