Upselling Tourism TORNA SU

N = Normalita'

N come Normalità

Ed eccoci nella Fase tre, quella della convivenza con il coronavirus.

Da più parti si auspica un ritorno alla normalità e questo ci ha ispirato alcune riflessioni sulla ripresa delle attività alberghiere.

Tornare alla normalità pre-emergenza è davvero la soluzione migliore?

 

Ad esempio, è normale tornare a classificare i clienti in base alla nazionalità - per vari motivi - preferita?

Pensiamo di no.

L’emergenza può insegnarci che un hotel è vincente quando ha uno staff preparato a gestire tutti gli ospiti con lo stesso standard di disponibilità ed efficienza, nonostante i tratti caratteriali di ognuno, e non quando si erge a giudice della propria fonte di guadagno (soprattutto nelle piazze virtuali) perdendo di vista la natura stessa della propria attività.

 

È normale tornare a vendere tutte le camere ad alcuni intermediari?

Riteniamo di no.

Le difficoltà finanziarie causate dall’improvvisa emergenza hanno avuto un impatto diverso sugli hotel che hanno il controllo delle proprie vendite attraverso una strategia tariffaria e commerciale.

 

È normale tornare a procedure di lavoro disorganizzate e talvolta irregolari, come indirettamente rivelato da alcuni protocolli?

Crediamo di no.

Quello che oggi viene imposto come piano d’azione per tutelare l’imprenditore contro i rischi legati alla diffusione del contagio potrebbe rivelarsi un utile strumento di lavoro per ottimizzare i processi e l’impiego delle risorse umane.

 

È normale tornare a una gestione concentrata soltanto sulle esigenze dell’azienda, ignorando lo scenario e diffidando degli altri attori sul territorio?

Suggeriamo di no.

Abbiamo avuto diverse testimonianze di come le sfide si affrontino con maggiori probabilità di successo quando si riesce a creare unità di intenti e co-operazione.

 

Insomma, stiamo riflettendo sul fatto che da questa catastrofe può nascere un’opportunità per gli hotel, ossia una spinta al rinnovamento e al miglioramento, nei tempi e nei modi necessari per ognuno.

Ed è una riflessione che molti condividono.

In questa prospettiva, siamo accanto agli albergatori che intendono cogliere l’opportunità e stiamo lavorando ad una certificazione che attesti l’attenzione dell’hotel alla sicurezza, alla tutela e al benessere dei propri ospiti e dello staff.

 

Restiamo in contatto!

 

Questo sito utilizza dei cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o continuando la navigazione in qualsiasi altro modo, acconsenti all'uso dei cookie.